12 Campus Blvd, Newtown Square, PA 19073, USA
(610) 325-9814
(610) 325-9823

Benvenuti al sito in lingua Italiana dell’ICDD


L’International Centre for Diffraction Data® (ICDD, Centro Internazionale per i Dati di Diffrazione) è un’organizzazione scientifica non-profit che si occupa della raccolta, stesura, pubblicazione e distribuzione dei dati di diffrazione da polveri per l’identificazione dei materiali cristallini. I suoi membri sono rappresentanti di organizzazioni accademiche, governative e industrie di tutto il mondo.

Da questo sito potete collegarvi a diverse pagine in italiano che contengono informazioni generali sui prodotti e i servizi dell’International Centre for Diffraction Data (ICDD). Queste pagine sono evidenziate nella sezione con sfondo bianco sottostante. Queste pagine sono state tradotte per poter fornire informazioni di carattere generale in lingua italiana.

Vi preghiamo tuttavia di utilizzare i collegamenti alle pagine in lingua inglese per informazioni specifiche su prodotti, aggiornamenti sui seminari (ICDD Clinics) ed eventi organizzati dall’associazione.

Il contatto qui a fianco è un membro bilingue dell’ICDD e può aiutarvi rispondendo alle vostre domande.

Informazioni su ICDD

L’International Centre for Diffraction Data® (ICDD, Centro Internazionale per i Dati di Diffrazione) è un’organizzazione scientifica non-profit che si occupa della raccolta, stesura, pubblicazione e distribuzione dei dati di diffrazione da polveri per l’identificazione dei materiali cristallini. I suoi membri sono rappresentanti di organizzazioni accademiche, governative e industrie di tutto il mondo.

La nostra vision – L’International Centre for Diffraction Data continuerà a sviluppare gli strumenti e a sostenere le esigenze formative necessarie
per le analisi dei materiali del futuro.

La nostra mission – L’International Centre for Diffraction Data continuerà a essere il centro mondiale per la diffrazione di qualità e i dati correlati per soddisfare le esigenze della comunità tecnica. L’ICDD promuove l’adozione dei metodi di caratterizzazione dei materiali nella scienza e nella tecnologia mettendo a disposizione forum per lo scambio di idee e di informazioni.

Breve storia dell’ICDD
Dopo lo sviluppo delle prime tecniche di diffrazione di raggi X da polveri all’inizio del ventesimo secolo, la necessità di una raccolta di spettri di diffrazione da fasi note è apparsa subito evidente. In seguito alla pubblicazione di due importantissimi articoli verso la fine degli anni Trenta sull’archiviazione e l’utilizzo di dati di diffrazione da polveri nell’analisi delle fasi da parte di ricercatori di Dow, è stato fondato, nel 1941, il Joint Committee for Chemical Analysis by Powder Diffraction Methods (Comitato Riunito per l’Analisi Chimica mediante Metodi di Diffrazione da Polveri). Questo comitato fu autore di una prima biblioteca di dati di diffrazione di raggi X da polveri che divenne in seguito nota come PDF® (Powder Diffraction FileTM, ossia Archivio di Diffrazione da Polveri). Il lavoro fu inizialmente supportato dal Comitato E-4 dell’American Society for Testing and Materials (ASTM,Società Americana per le Prove e i Materiali). Nelle due decadi successive altri organismi professionali contribuirono all’iniziativa, che culminò nel 1969 con l’istituzione del Joint Committee on Powder Diffraction Standards (JCPDS,Comitato Riunito per gli Standard di Diffrazione da Polveri). Il JCPDS fu costituito per continuare l’iniziativa di raccolta e mantenere attuale e aggiornato il PDF. Nel 1978 il nome dell’organizzazione fu cambiato in International Centre for Diffraction Data (Centro Internazionaleper i Dati di Diffrazione), per riflettere lo sviluppo a livello globale di questa impresa scientifica.

L’ICDD
Si trovano al mondo circa 300 ricercatori tra i quali l’organizzazione sceglie il Board of Directors (Consiglio di Direzione), comitati e sotto-comitati. Gli iscritti, che sono volontari, sono impegnati attivamente negli sviluppi delle tecniche di diffrazione di raggi X da polveri e nelle discipline correlate. I membri consistono di scienziati affiliati a diverse istituzioni – dell’istruzione, governative e industriali. Un incontro annuale costituisce un momento di scambio di idee e informazioni relativamente alla comunità scientifica e permette di organizzare, pianificare e rivedere politiche e procedure all’interno dell’organizzazione stessa. Un gruppo di persone stipendiate, che si occupa di ricerca e di amministrazione e ha sede in Newton Square, Pennsylvania Headquarters, è responsabile della produzione e della distribuzione dei vari database offerti dall’ICDD.

Ludo Frevel Crystallography Scholarship Fund
Allo scopo di incoraggiare gli studenti laureati più promettenti a dedicarsi a ricerche orientate alla cristallografia, l’International Centre for Diffraction Data (Centro Internazionale per i Dati di Diffrazione, ICDD) ha istituito il fondo per le borse di studio per la cristallografia, oggi noto con il nome di Ludo Frevel Crystallography Scholarship Fund (Fondo per le borse di studio Ludo Frevel per la cristallografia). Questa denominazione è stata assunta in omaggio al Dr. Ludo Frevel, pioniere della scienza della diffrazione ai raggi X, nonché promotore del fondo. Convinto del positivo impatto scientifico delle borse di studio proposte sulla ricerca orientata alla cristallografia, l’ICDD si è rivolto al settore privato e industriale alla ricerca di fondi a sostegno di questo programma. A oggi, l’ICDD ha assegnato 191 borse di studio dal 1991, per un totale di oltre 454,750 dollari. Per ulteriori informazioni contattare Stephanie Jennings (sjennings@icdd.com).

Il Powder Diffraction FileTM (PDF)
Il Powder Diffraction FileTM (PDF®, Archivio di Diffrazione da Polveri,) è una collezione di spettri di diffrazione di raggi X da polveri ottenuti dallo studio di singole fasi, nei quali ciascun picco è classificato per distanza interplanare corrispondente e intensità relativa, insieme ad altre proprietà bibliografiche, fisiche e cristallografiche. La creazione, il mantenimento e la distribuzione di questo archivio è stata l’obiettivo primario dell’istituzione dell’ICDD e delle organizzazioni da cui esso è derivato.

Per poter soddisfare le necessità di chi lavora in questo settore in tutto il mondo, l’Archivio è disponibile in una varietà di formati – libri, USB e DVD. Il PDF contiene diversi sotto-archivi di dati che includono, ma non solo, minerali, metalli e leghe e materiali per le perizie legali. È presente anche un pacchetto formativo da usare durante le lezioni. Vari metodi, compreso l’uso di indici stampati e software per computer, consentono agli utenti di far corrispondere i dati dell’Archivio a quelli del proprio laboratorio.

Acquisizione di dati per il PDF®
I dati che vengono pubblicati nel Powder Diffraction FileTM provengono dal contributo di ricercatori individuali, laboratori, ricerche di letteratura e un programma di sovvenzione. Su circa 200 pubblicazioni scientifiche tra le più importanti vengono eseguite ricerche manuali per raccoglierne dati di diffrazione da polveri e migliaia le ricerche avvengono tramite parole chiave. Altre ricerche in letteratura, inclusi brevetti, dissertazioni e il restante materiale a disposizione vengono eseguite utilizzando database online e tecniche di ricerca telematica. Il Powder Diffraction File cita oltre 1,3 milioni di riferimenti.

I dati sono raccolti anche attraverso una serie di storici accordi di collaborazione con altri istituti di raccolta di dati, tra cui il National Institute of Standards and Technology (NIST), il Fachinformationszentrum (FIZ), il Cambridge Crystallographic Data Centre (CCDC) e il Material Phases Data System (MPDS).

Controllo qualità del PDF
Tutti i dati sono rivisti criticamente e approvati dal comitato per l’edizione. Ogni spettro di diffrazione deve passare attraverso un processo di revisione in quattro stadi prima di poter essere incluso nel PDF. Man mano che la tecnologia evolve, i requisiti di qualità per gli spettri di riferimento dei dati si evolvono parallelamente. Il risultato è naturalmente che i dati presenti nel PDF vengono continuamente rivisti e aggiornati per mantenere elevati gli standard di precisione e qualità.

Incarichi

Comitato riconoscimenti
Il Comitato Riconoscimenti (Awards Committee) ha il compito di assicurare la consegna dei premi dell’ICDD nei tempi previsti.

Comitato di Regolamentazione
Il Comitato di Regolamentazione (Bylaws Committee) è responsabile del processo di revisione del regolamento interno corrente:

  • per assicurare (grazie all’assistenza del Consiglio Legale dell’ICDD) che le revisioni del regolamento interno siano conformi alle leggi del Commonwealth della Pennsylvania e degli Stati Uniti d’America, rispettivamente alla condizione di esenzione dalle tasse dovuta al fatto che l’ICDD è un’associazione non-profit nel settore dell’istruzione;
  • per rivedere periodicamente gli obiettivi dell’associazione;
  • per tenere incontri programmati del Comitato di Regolamentazione per valutare l’approvazione di qualsivoglia proposta di revisione e conseguentemente inoltrare queste proposte al Consiglio di Direzione perché siano discusse;
  • per lavorare affinché il corrente regolamento sia chiaro, vale a dire per rimuovere affermazioni contraddittorie, risolvere espressioni ambigue, preparare proposte di revisione e seguire pratiche di modifica approvate.

Comitato per i Benefici dei Dipendenti
Il Comitato per i Benefici dei Dipendenti (Employee Benefits Commitee) è responsabile di revisionare annualmente i programmi di benefici per i dipendenti dell’associazione e fornire al Consiglio di Direzione consigli per il miglioramento, la modifica e l’avviamento di nuovi programmi per mantenere un pacchetto di benefici per i dipendenti consistente e ragionevole.

Comitato per le Sovvenzioni
Il Comitato per le Sovvenzioni (Grants-in-Aid Committee) è incaricato di esaminare le richieste di sussidio avanzate e inviare raccomandazioni al Consiglio di Direzione per la distribuzione dei fondi per supportare progetti coerenti con gli scopi della società.

Comitato di Programmazione a Lungo Termine
Il Comitato di Programmazione a Lungo Termine (Long-Range Planning Committee) è responsabile della revisione delle missioni dell’ICDD, dei suoi obiettivi di base e dei servizi per fornire al Consiglio di Direzione indicazioni per la continua crescita e la sicurezza della compagnia.

Comitato per il Supporto dei Raduni
Il Comitato per il Supporto dei Raduni (Meeting Support Committee) esamina le richieste di finanziamento di varie organizzazioni internazionali e distribuisce i fondi basandosi sui meriti delle singole richieste. I meriti si basano sulla convergenza dei raduni con la missione culturale dell’ICDD. Il comitato può indicare al Consiglio di Direzione dei cambiamenti per l’allocazione o la ridirezione dei fondi. Il comitato consiste di 4-6 membri dell’ICDD. Moduli di richiesta e criteri di finanziamento si possono trovare sul sito dell’ICDD (in inglese).

Comitato per l’Associazione
Il Comitato per l’Associazione (Membership Committee) ha un doppio compito: (1) identificare potenziali soci a livello internazionale dall’industria, dalle Università e dalle agenzie governative che possano fornire all’ICDD esperienza tecnica nel campo della diffrazione da polveri o in discipline ad essa collegate, e che siano interessati a partecipare come soci volontari in varie attività dei comitati o dei sotto-comitati; (2) sviluppare e mettere in opera un piano strategico per utilizzare al meglio il contributo dei soci per arricchire il PDF e lo sviluppo della tecnica di diffrazione di raggi X. Potete visitare la pagina dedicata all’Associazione.

Comitato per le Borse di Studio
Il Comitato per le Borse di Studio (Scholarship Committee) comprende un gruppo di soci da tutto il mondo dell’ICDD per esaminare le richieste per la borsa di studio Ludo Frevel per la Cristallografia. Le borse sono finanziate da generosi contributi da parte dei membri, delle istituzioni e delle società. Ulteriori informazioni sulle richieste e le qualificazioni possono essere trovate nel sito dell’ICDD.

Comitato Finanziario
Il Comitato Finanziario (Finance Committee) è responsabile di quanto segue:

  • mettere in pratica le politiche finanziarie dell’ICDD come deciso dal Consiglio di Direzione;
  • preparare indicazioni riguardo alla distribuzione delle borse di studio e all’allocazione dei fondi;
  • preparare indicazioni sui prezzi;
  • controllare il bilancio;
  • preparare e presentare a ogni raduno annuale dell’ICDD una relazione sullo stato finanziario della società;
  • il Comitato Finanziario ha alle sue “dipendenze” il Sotto-comitato per le Vendite e Commerciale (Sales and Marketing Subcommittee) e il Comitato per la Revisione dei Conti (Budget Review Committee).

Sotto-comitati del Comitato Finanziario
Comitato per la Revisione dei Conti
Il Comitato per la Revisione dei Conti è incaricato di preparare un bilancio annuale perché venga valutato dal Comitato Finanziario.

Sotto-comitato Commerciale
Il Sotto-comitato Commerciale deve indicare al Consiglio di Direzione, attraverso il Comitato Finanziario, opportune strategie per assicurare la posizione finanziaria dell’organizzazione. Le strategie comprenderanno iniziative per la vendita di prodotti e relative iniziative per le relazioni pubbliche che mostrino il valore dell’opera dell’ICDD alla comunità scientifica. Il rapporto del Sotto-comitato dovrà includere una valutazione delle operazioni commerciali e delle prospettive dell’andamento delle vendite presso la Sede.

Comitato tecnico – vedere anche Iscrizione al Comitato Tecnico
Il Comitato tecnico (Technical Committee) è responsabile di quanto segue:

  • indicazioni riguardo alle funzioni editoriali dell’ICDD;
  • indicazioni riguardo all’amministrazione e all’andamento dei tecnici dell’edizione;
  • indicazioni sulla raccolta e l’elaborazione dei dati, manuali di ricerca, ecc.;
  • indicazioni sulla preparazione di nastri, dischi e altri supporti digitali che coinvolgano il database di ricerca dell’ICDD;
  • indicazioni riguardo alle preparazioni di sezioni del database rivolte ad aree specifiche della tecnologia (sotto-archivi);
  • indicazioni per ricerca e sviluppo, istruzione e preparazione sponsorizzate dall’ICDD;
  • cooperazione con altre società.

Sotto-comitati per i Materiali (Material Subcommittees)
Sotto-comitato per i Ceramici
Il Sotto-comitato per i Ceramici (Ceramics Subcommittee) è responsabile di (1) identificare composti ceramici nel PDF, (2) organizzare il sotto-archivio dei ceramici in mini-archivi divisi per funzione e proprietà e (3) assicurare l’importanza e la qualità dei dati presenti e futuri per soddisfare le esigenze della comunità degli utenti.

Sotto-comitato per i metalli e le leghe
Il Sotto-comitato per i Metalli e le Leghe (Metals and Alloys Subcommittee) è responsabile di (1) assicurare che il sotto-archivio dei Metalli e delle Leghe soddisfi le necessità presenti e future dei metallurgisti e degli scienziati dei materiali, (2) sviluppare e aggiornare il sotto-archivio dei Metalli e delle Leghe, (3) revisionare i dati e i prodotti dei Metalli e delle Leghe per assicurare un elevato standard di qualità e (4) allargare la copertura e l’utilità del sotto-archivio dei Metalli e delle Leghe.

Sotto-comitato per i Minerali
L’obiettivo del Sotto-comitato per i Minerali (Minerals Subcommittee) è mantenere la qualità dei prodotti necessari alle comunità mineralogiche e industriali. Inoltre, questo sotto-comitato si occupa di continuare l’evoluzione di tali prodotti e di mantenere il database quanto più possibile aggiornato.

Sotto-comitato per i Composti Organici e Farmaceutici
L’obiettivo del Sotto-comitato per i Composti Organici e Farmaceutici (Organic and Pharmaceutical Subcommittee) è arricchire e ottimizzare la sezione di materiali organici del PDF grazie alla comunità di utenti della diffrazione. A questo scopo, il sotto-comitato deve (1) provvedere supporto tecnico per tutti i database di composti organici e (2) fornire assistenza agli sforzi di ricerca per dimostrare le proprie potenzialità.

Sotto-comitato per i Polimeri
Il Sotto-comitato per i Polimeri (Polymers Subcommittee) ha il compito di mettere chi si occupa di scattering/diffrazione da polimeri in grado di poter utilizzare al meglio i dati di diffrazione/scattering per analizzare i materiali polimerici. Questo include la produzione di database, la promozione delle migliori tecniche di analisi dati, la promozione di strumentazione e software adatti allo studio dei polimeri presso i laboratori nazionali e i fabbricanti di strumenti, l’istruzione della comunità di chi si occupa di diffrazione riguardo ai problemi che hanno una rilevanza particolare nella caratterizzazione dei polimeri e l’istruzione della comunità dei ricercatori nel campo dei polimeri sul valore di una valutazione accurata e approfondita dei dati di diffrazione.

Sotto-comitati per i Metodi di Caratterizzazione e gli Strumenti (Characterization MeThods and Tools Subcommittee)
Sotto-comitato per la Diffrazione degli Elettroni
Il Sotto-comitato per la Diffrazione degli Elettroni(Electron Diffraction Subcommittee) serve da ponte tra la comunità di chi si occupa di diffrazione degli elettroni e gli altri dipartimenti dell’ICDD. Comunicherà le necessità dei ricercatori che lavorano nel campo della diffrazione degli elettroni all’ICDD, in modo che quest’ultimo possa rispondere al meglio a tali necessità. Assisterà nella comunicazione alla comunità che si occupa di diffrazione degli elettroni in merito alla modalità in cui l’ICCD soddisferà le loro esigenze. A questo scopo dovrà comunicare con altri sotto-comitati dell’ICDD e con l’organizzazione centrale della società. Specificamente, il sotto-comitato dovrà monitorare lo stato e proporre miglioramenti ai database e ai prodotti correlati utilizzati nella diffrazione degli elettroni, inclusi i prodotti di altre organizzazioni oltre a quelli dell’ICDD stesso.

Sotto-comitato per la Diffrazione in Condizioni non Ambiente
Il Sotto-comitato per la Diffrazione in Condizioni non Ambiente (Non-Ambient Diffraction Subcommittee) è costituito per facilitare l’uso del PDF da parte della comunità che si occupa di diffrazione in condizioni non ambiente. Ha lo scopo di preparare suggerimenti per l’ICDD riguardo a come i dati di diffrazione ottenuti in condizioni non ambiente devono essere rappresentati nel PDF e suggerire specifiche attività di ricerca che potrebbero condurre alla produzione di nuovi spettri delle condizioni non ambiente per il PDF. Inoltre, mantiene i contatti con vari gruppi di ricerca e amministrazione in tutto il mondo per lo scambio di informazioni riguardo ai nuovi sviluppi nell’ambito di tecniche e risultati della diffrazione in condizioni non-ambiente.

Sotto-comitato per i Metodi di Diffrazione da Sincrotrone
Il Sotto-comitato per i Metodi di Diffrazione da Sincrotrone (Synchrotron Diffraction Methods Subcommittee) si occupa di soddisfare le specifiche necessità di chi lavora nel campo della diffrazione da polveri con luce di sincrotrone per il beneficio di tutti coloro che lavorano con la diffrazione da polveri. In particolare, il sotto-comitato dovrà aiutare gli utenti del settore sincrotrone a fornire i loro dati di diffrazione da polveri all’ICDD e assistere i tecnici dell’ICDD affinché includano i dati di diffrazione da polveri in luce di sincrotrone all’interno del database dell’ICDD.

Sotto-comitato per i Metodi di Diffrazione ai raggi X
Il Sotto-comitato per i Metodi di Diffrazione ai raggi X (X-ray Diffraction Methods Subcommitee) dovrà fornire suggerimenti per i dati da includere nel PDF considerando configurazioni degli strumenti, raccolta dei dati e analisi degli spettri di diffrazione, con particolare attenzione ai metodi allo stato dell’arte.

Sotto-comitato per l’XRF
Il Sotto-comitato per l’XRF (XRF Subcommitee) si occupa di produrre suggerimenti e indicazioni ai membri e ai dipendenti dell’ICDD in merito alle attività di formazione dell’ICDD e ai componenti XRF nel database dell’ICDD. Gli atti della Conferenza di Denver sui raggi X e le pubblicazioni sulle riviste, Advances in X-ray Analysis Powder Diffraction, contengono tutti una quantità significativa di informazioni riguardanti l’XRF e l’ICDD organizza due seminari ogni anno riguardo all’XRF.

Sotto-comitati dell’ICDD (ICDD Subcommittees)
Sotto-comitato per l’Istruzione
Il Sotto-comitato per l’Istruzione (Education Subcommitee) è responsabile di sviluppare materiale formativo, di organizzare workshop, preparare programmi audio-visivi e sessioni speciali alle riunioni riguardo all’acquisizione e all’utilizzo di dati di diffrazione, con particolare attenzione al PDF e al suo sistema automatico o manuale di ricerca. Inoltre, incoraggia l’insegnamento di metodi di diffrazione da polveri nelle istituzioni scolastiche.
Il Sotto-comitato per l’Istruzione è responsabile di raccogliere informazioni sulla sicurezza nell’uso dei raggi X e di provvedere liste e collegamenti riguardo a strumenti software per la diffrazione da polveri e la spettroscopia a fluorescenza di raggi X.

Comitato per la Stesura del PDF
Il Comitato per la Stesura del PDF (PDF Editorial Staff Subcommitee) si occupa di valutare e suggerire miglioramenti nelle procedure editoriali e bibliografiche dell’ICDD.

Panoramica sui prodotti

L’ICDD continua la sua missione di ottenere dati da fonti in tutto il mondo e provvedere un’edizione rivista per standardizzare i dati, aggiungere informazioni strutturali e relative ai materiali secondo classificazioni opportune e controllarne la qualità.

Lo scopo principale di tutti i prodotti database ICDD è di consentire l’identificazione dei materiali. Anche se PDF-2 e PDF-4+ contengono principalmente informazioni relative ai dati su materiali inorganici e PDF-4/Organici contiene principalmente informazioni su composti organici e organo-metallici, sono state aggiunte deliberatamente voci relative a fasi cristalline comuni per aiutare nell’identificazione del materiale.

L’ICDD continua a ricevere nuovi dati dalle sue fonti storiche di dati sulla diffrazione da polveri, il programma di sovvenzioni, i contributi e le ricerche bibliografiche. Il grande aumento del numero di voci a partire dal 1997 è stato reso possibile da una serie di strategie di collaborazione tra l’ICDD e organizzazioni internazionali di database cristallografici. I partner di collaborazione storici e correnti includono:

  • Cambridge Crystallographic Data Centre (CCDC) Cambridge, Regno Unito
  • FIZ Karlsruhe — Leibniz Institute for Information Infrastructure (FIZ) Karlsruhe, Germania
  • National Institute of Standards and Technology (NIST) Gaithersburg, Maryland
  • Material Phases Data System (MPDS) Vitznau, Svizzera

Queste collaborazioni risultano anche nella diversità dei prodotti database dell’ICDD. PDF-4+ e PDF-4/Minerali sono gli unici database che contengono dati provenienti dalla collaborazione con l’MPDS. PDF-4/Organici è l’unico database che contiene dati dal CCDC.

I database PDF
L’Archivio di Diffrazione da Polveri (Powder Diffraction File, PDF) contiene più di 871.758 schede uniche. Ogni scheda contiene dati di diffrazione, cristallografici e bibliografici, oltre a condizioni sperimentali, strumentali e di raccolta dati, e proprietà fisiche selezionate in un formato standard comune. Il PDF contiene informazioni sui lavori collettivi di più di 2.000 riviste e centinaia di migliaia di autori. L’ICDD raccoglie dati sui nuovi materiali emergenti e commerciali attraverso un programma annuale di sussidi. Ogni anno, circa 50 laboratori leader nella ricerca ricevono contributi per analizzare e caratterizzare nuovi materiali dal PDF. La grande dimensione del PDF e la copertura di così tanti materiali viene raggiunta grazie al processo di raccolta di dati bibliografici proprio dell’ICDD, insieme alla collaborazione con organizzazioni di archivio internazionali.

Il database è progettato e prodotto in diversi formati per servire diversi gruppi di utenti.

PDF-2 è un prodotto della collaborazione dell’ICDD, del FIZ e del NIST ed è progettato per l’analisi di materiali inorganici. Molti materiali organici comuni dall’archivio dell’ICDD sono stati aggiunti a questo database per facilitare un’identificazione rapida del materiale. (acquistare)

PDF-4+ è un database avanzato che contiene i dati sia del PDF-2 sia della collaborazione dell’ICDD col MPDS. Questo database è progettato per l’analisi quantitativa (Rietveld, RIR, Modellazione degli spettri) insieme all’identificazione del materiale. Questo database copre un gran numero di materiali inorganici e contiene numerose caratteristiche come spettri digitalizzati, grafici molecolari e parametri atomici. Sono state introdotte molte nuove funzioni in PDF-4 per migliorare la capacità di eseguire un’analisi quantitativa con uno dei tre metodi: analisi Rietveld, rapporto con l’intensità di riferimento (Reference Intensity Ratio, RIR) o analisi totale dello spettro (Total Pattern Analysis). (acquistare)

PDF-4/Minerali è un sottoinsieme di PDF-4+ che include le nuove funzionalità incorporate in PDF-4+. Questo database è il più grande e completo database di minerali e materiali correlati ai minerali del mondo. Questi ultimi includono minerali sintetici, gemme e campioni trattati in condizioni non ambiente. (acquistare)

PDF-4/Organici è progettato per identificare materiali organici e organometallici. Oltre a 515.458 voci organiche, contiene qualche migliaio di materiali inorganici, prevalentemente eccipienti farmaceutici per aiutare con l’analisi della formulazione e l’identificazione. (acquistare)

Tutti i database dell’ICDD sono progettati per una rapida identificazione del materiale. Il loro design include indici specializzati per la ricerca rapida, oltre a possibilità di ricerca basate sulla conoscenza chimica e strutturale. Sono presenti anche molte funzioni del database, aggiunte per gli sviluppatori di software, che consentono un facile trasferimento dei dati tra il PDF e il software di analisi della diffrazione più potente del mondo.

Caratteristiche principali di altri prodotti ICDD
Volumi di dati, indici e manuali di ricerca
L’Archivio di Diffrazione da Polveri (PDF) è disponibile anche in forma cartacea. Ogni volume (insieme) contiene la produzione annuale di spettri sperimentali dell’ICDD. Il libro e gli indici sono progettati per biblioteche e piccoli laboratori che non hanno accesso a sistemi automatizzati.

Gli indici stampati e i manuali dell’ICDD consentono ricerche e l’identificazione di fasi contenute nel formato volume di dati del PDF. Gli Indici Alfabetici e il Manuale di Ricerca Hanawalt possono essere usati per cercare fasi inorganiche sperimentali. Il Manuale delle Fasi Organiche e Organometalliche copre fasi sperimentali ordinate secondo i quattro indici comuni. Questi tre manuali di ricerca di base ordinano i dati sperimentali per facilitare la ricerca e l’identificazione delle fasi. Gli Indici Alfabetici ordinano le fasi inorganiche in base al nome chimico e a frammenti dello stesso. Il Manuale di Ricerca Hanawalt ordina le fasi inorganiche usando le tre linee più forti. Il Manuale di Ricerca delle Fasi Organiche e Organometalliche usa tutti i metodi sopraindicati. La versione elettronica di tutti e tre i manuali di ricerca è il nostro software aggiornato, SIeve.

Caratteristiche principali dei database speciali
La raccolta di polimeri Dow è una pubblicazione semplice che offre più di 150 polimeri, riprodotti sotto forma di spettri di diffrazione, raccolti ai laboratori di ricerca della Dow Chemical Company.

DXC
La Conferenza di Denver sui raggi X (Denver X-ray Conference, DXC) è stata tenuta per la prima volta nel 1951 all’Università di Denver come un seminario di un giorno sull’utilizzo dei raggi X e il loro impatto sulla ricerca moderna. Nel 1998 l’ICDD si è assunto la responsabilità e l’onere della conferenza. La conferenza annuale conta più di 500 tra speakers, partecipanti ed espositori. Circa 200 presentazioni tecniche sono mostrate ogni anno.

DXC è una miscela unica di sessioni e workshop con particolare attenzione alla formazione, all’istruzione e alle applicazioni. Una mostra di strumenti e servizi per la diffrazione ai raggi X segue il programma tecnico, mentre i produttori di strumenti esibiscono i loro ultimi prodotti.

Ufficialmente dichiarata la Conferenza Annuale di Applicazioni dell’Analisi ai Raggi X, la Conferenza di Denver, o DXC, come è meglio nota, fiorisce come il punto di ritrovo più ambito a livello mondiale per i ricercatori che lavorano nel campo dell’analisi dei materiali ai raggi X. La conferenza mette insieme scienziati, ingegneri e tecnici di tutto il mondo per discutere di tecniche allo stato dell’arte e indicazioni per lo sviluppo della tecnologia per l’analisi ai raggi X. Infatti, DXC non solo costituisce un punto di incontro per queste discussioni, ma ha stimolato e foraggiato molti dei maggiori sviluppi in questi campi negli anni.

Innovazioni nell’analisi ai raggi X
ICDD pubblica gli interventi della conferenza di Denver su CD, attraverso la serie, Innovazioni nell’analisi ai raggi X (Advances in X-ray Analysis, AXA). I volumi dall’1 al 39 sono contenuti in un singolo CD, ogni anno successivo su un CD separato. Ogni CD contiene una raccolta degli articoli presentati quell’anno più un indice complessivo.

La raccolta AXA include 60 volumi. I volumi 1-39, che rappresentano gli interventi dal 1957 al 1995, sono disponibili in un singolo CD. L’intera collezione comprende 3.211 articoli degli esperti mondiali sullo sviluppo delle applicazioni dell’analisi ai raggi X, XRD e XRF. Con la possibilità di eseguire ricerche sull’intera raccolta per argomento, titolo o autore, la raccolta è preziosissima per i professionisti del settore.

L’ICDD è orgoglioso di presentare l’accesso a volumi selezionati di Innovazioni nell’analisi ai raggi X – Interventi alla Conferenza di Denver in formato Adobe Acrobat PDF. Potete eseguire ricerche per titolo o parole chiave, incluso il nome dell’autore. I risultati indicano il titolo, l’autore e la dimensione del file.

Powder Diffraction (PDJ) Journal
Powder Diffraction (PDJ), la rivista internazionale dell’ICDD, è pubblicata trimestralmente, più un supplemento annuale dedicato a un argomento speciale, da Cambridge University Press. PDJ è una rivista sulla caratterizzazione dei materiali attraverso metodi di analisi scattering ai raggi X, elettroni e neutroni. La rivista accetta volentieri manoscritti che descrivono tecniche pratiche relative a un ampia gamma di applicazioni, dall’analisi dei materiali alla crescita epitassiale di film sottili e alle ultime innovazioni nel software. Sebbene si enfatizzi l’aspetto pratico, la teoria non viene trascurata, specialmente se la discussione è relativa a una migliore comprensione della tecnica.

In collaborazione con il Comitato di Organizzazione della Conferenza di Denver sui Raggi X, l’ICDD fornisce una copia dell’edizione dell’anno precedente di Advances in X-ray Analysis (AXA) (Innovazioni nell’analisi ai raggi X) agli abbonati al formato cartaceo/online di PDJ. In questo modo raddoppia effettivamente il numero di articoli disponibili annualmente per gli abbonati di PDJ e aumenta significativamente la diffusione per gli autori di Advances in X-ray Analysis.Power Diffraction pubblica anche numeri supplementari sui dibattiti degli incontri internazionali, tra cui quelli della European Powder Diffraction Conference (EPDIC, Conferenza Europea sulla Diffrazione da Polveri), della Chinese National Conference on XRD (Conferenza Nazionale Cinese su XRD) e dell’Australian X-ray Analytical Association (AXAA, Associazione Australiana sull’Analisi dei Raggi X).

PDF-2 e software di supporto

PDF-2  – Purchase
L’edizione PDF-2 2018 dell’Archivio di Diffrazione da Polveri (Powder Diffraction File) contiene 298.258 voci provenienti dalla collezione dati di diffrazione sperimentale, oltre che da dati raccolti, modificati e standardizzati dei database del NIST e del FIZ. PDF-2 è progettato per l’analisi di materiali inorganici tramite diffrattometro automatico. L’edizione PDF-2 2018 presenta caratteristiche di facilità d’uso che includono il nostro software integrato di estrazione dei dati, in grado di fornire maggiori capacità di visualizzazione, ricerca e filtraggio dei dati attraverso 53 campi di visualizzazione e 68 possibilità di ricerca. Ogni voce contiene una tabella di distanze interplanari d e le relative intensità, mentre la maggiorparte contiene anche gli indici di Miller. Ulteriori informazioni, come la formula chimica, il nome del composto, il nome del minerale, la formula strutturale, il sistema cristallino, i dati fisici, i parametri sperimentali e i riferimenti sono stati inclusi quando noti. Tutte le voci sono state sottoposte a rigorosa revisione editoriale e indicizzate per le ricerche nei sottofile.

Il PDF-2 contiene l’archivio storico su CD. Questo database è stato integrato nei sistemi software di ogni principale produttore di strumenti per diffrazione ai raggi X. Insieme al software di analisi dati che viene fornito con le macchine, il PDF dà ai ricercatori la possibilità di eseguire analisi rapide su PC locali, consentendo l’identificazione dei materiali nei più importanti laboratori nel mondo. La licenza del PDF-2 è di 5 anni.

Caratteristiche principali:

  • 298.258 voci (264.876 inorganiche e 42.478 organiche)
  • 7.139 voci nuove
  • 116.613 spettri sperimentali
  • 170.778 spettri calcolati dall’ICSD
  • 10.067 spettri calcolati dal NIST

 

L’edizione PDF-2 2018 è contenuta in un DVD or USB compatibile con una piattaforma PC. Deve essere installato sul vostro disco fisso. È necessario utilizzare un programma di estrazione dati, come quello a visualizzazione integrata dell’ICDD o uno di sviluppatori di software, per convertire i dati del PDF-2 in formato leggibile. Potete controllare col vostro fornitore di software per verificare la compatibilità del software quando acquistate l’edizione 2018 o eseguite un aggiornamento. Programmi di estrazione dati con funzioni di ricerca sono disponibili presso i distributori autorizzati ICDD e i produttori di strumenti.

I prezzi sono disponibili per licenze pluriennali e per sito.

Software di supporto PDF-2
Il software di estrazione dati dell’ICDD è integrato in tutti i prodotti PDF. Questo software offre superiori funzionalità di visualizzazione, ricerca e filtraggio dei dati per il formato PDF-2 dell’Archivio di Diffrazione da Polveri. I clienti possono usufruire delle nostre opzioni di estrazione dati utilizzando 53 campi di visualizzazione e 68 modalità di ricerca. Inoltre, è possibile utilizzare i criteri di ricerca del nostro software di estrazione dati per concentrare i risultati dell’indicizzazione di ricerca di SIeve su sottogruppi di voci PDF definiti dall’utente.

Caratteristiche:

  • modulo di ricerca multifunzione;
  • i dati visualizzati possono essere copiati negli Appunti di Windows;
  • la deviazione standard stimata è disponibile per la maggior parte delle ricerche numeriche;
  • finestra di aiuto disponibile per le voci PDF

Visualizzazione delle voci:

  • visualizzazione degli spettri ingrandibile;
  • la tabella della spaziatura può essere spostata;
  • i tre picchi più intensi sono evidenziati in grassetto;
  • esportazione in formato XML migliorata;
  • opzioni di report: esteso, breve, nascondi campi con dati non disponibili;
  • visualizzazione simultanea di entrambe le intensità con slitte fisse e variabili;
  • link DOI “live” alla pagina Bibliografia.

Funzioni di visualizzazione risultati:

  • tutte le colonne della tabella dei risultati possono essere ordinate, spostate e ridimensionate;
  • la maggior parte delle colonne della tabella dei risultati può essere visualizzata graficamente;
  • calcolo di media, mediana e deviazione standard stimata per valori numerici visualizzati;
  • parametri di ricerca visibili sulla finestra della ricerca;
  • un click col pulsante in mezzo del mouse sull’intestazione di una colonna ne ordina i risultati in ordine alfabetico;
  • un click col pulsante in mezzo del mouse sulle caselle mostra i risultati in una finestra separata;
  • possibilità di aggiungere ogni campo di dati direttamente ai risultati dal menù Opzioni;
  • possibilità di ordinare i risultati secondo criteri flessibili;
  • si possono aprire più schede contemporaneamente.

Funzioni di ricerca:

    • le ricerche per autori e celle cristalline ora contemplano la possibilità di effettuare una ricerca ridotta. I parametri di cella e i volumi si possono ricercare entro intervalli specificati o limiti d’errore (deviazione standard stimata);
    • la ricerca per tavola periodica include gli operatori booleani And, Or, Only, Just e Not;
    • ricerca per tavola periodica facoltativa con Yes/No/Maybe;
    • ricerca di una qualsiasi combinazione di L1, L2 e L3 per le linee lunghe;
    • ricerca di ogni combinazione di d1, d2 e d3 per le linee forti;
    • ricerca di ogni combinazione di Dmeas, Dcalc e Dstruc per la densità.

SIeve – Novità per il 2018! Sieve è incluso gratuitamente in PDF-2!
SIeve, il software di ricerca e indicizzazione dell’ICDD, fornisce una ricerca e un’identificazione rapida utilizzando un sistema di ricerca altamente automatizzato Hanawalt, Fink e Long-8. SIeve sfrutta la potenza di calcolo dei PC moderni per eseguire rapidamente ricerche permutate su centinaia di migliaia di dati. Questo consente permutazioni con gli algoritmi Fink e Long-8 che sono irrealizzabili con i dati stampati a causa dell’enorme dimensione dell’archivio. Un’altra caratteristica è la rotazione automatica delle 8 linee più intense (Hanawalt) o le 8 linee più lunghe delle linee più forti (Fink) o le 8 linee lunghe (Long-8) per cercare voci che mostrino la miglior corrispondenza coi parametri di ricerca (GOM, Goodness of Match). Abbiamo implementato un sistema di corrispondenza degli spettri (Pattern GOM) che fornisce un confronto, come i manuali cartacei, in cui tutte le linee dello spettro sconosciuto devono corrispondere a tutte le linee nello/negli spettro/i di riferimento. La schermata di SIeve consente un ulteriore confronto tra la normale corrispondenza (GOM) e la corrispondenza degli spettri (Pattern GOM).

SIeve lavora alternativamente con punti d-I o con file elettronici che contengono informazione di tipo 2θ-I. Una routine di importazione dei dati può leggere una gran varietà di file di input; si può importare un numero qualsiasi di coppie d-I. Il software SIeve è collegato con le Ricerche globali e le Opzioni di ricerca nel nostro software per la visualizzazione integrato. Questo significa che un utente può definire un filtro di input per SIeve basato su ogni metodo di ricerca o combinazioni. I risultati di SIeve possono inoltre essere integrati nei criteri di ricerca del nostro software per la visualizzazione.

 

      • le fasi sono mostrate in una tabella, con possibilità di ordinamento per colonna;
      • selezionando le fasi si evidenziano le linee corrispondenti;
      • le distanze d che cadono in una finestra di corrispondenza vengono evidenziate con appositi colori;
      • sessioni che includono esempi possono essere memorizzate in file XML;
      • sono state aggiunte unità di misura per i campi: Ångstroms, gradi;
      • nessun limite sul numero di righe per esperimento;
      • nessun limite sul numero di fasi;
      • algoritmi migliorati;
      • corrispondenza degli spettri (Pattern GOM)
      • I/Ic per corrispondenze e fasi
      • importazione avanzata: salvataggio impostazioni personali.

PDF-4

Linea di prodotti PDF-4
La linea di prodotti PDF-4 è collegata al periodo di utilizzo, con una licenza rinnovata annualmente. Questi database sono sviluppati attraverso sforzi storici di collaborazione con altre organizzazioni di raccolta dati. Solo PDF-4+ e PDF-4/Minerali contengono dati calcolati e standardizzati dall’archivio Linus Pauling (Linus Pauling File, LPF). Solo PDF-4/Organici contiene dati calcolati e standardizzati dal Database di Strutture di Cambridge (Cambridge Structural Database, CSD).

Tutti i prodotti PDF-4 includono il nostro software di estrazione dati integrato, per un’offerta ancora più conveniente! Questo software fornisce maggiori capacità di visualizzazione, ricerca e filtraggio dei dati attraverso 72 metodi di ricerca diversi per filtrare i contenuti del database con visualizzazione personalizzata di una selezione di 125 campi dati separati. Utilizzando un’interfaccia punta-e-clicca scritta in JavaTM, si possono combinare diversi metodi di ricerca e scelte dei campi da visualizzare per ottenere una scelta pressoché illimitata di opzioni di ricerca dei dati. Tecnologia di visualizzazione di un intero spettro di diffrazione digitale e documentazione integrata indicizzata e relativa al contesto sono uno standard nei prodotti PDF-4. Per software di ricerca/corrispondenza compatibile con i prodotti PDF-4, rivolgetevi al vostro distributore di fiducia.

Caratteristiche principali di PDF-4+ – Purchase
PDF-4+ è un database avanzato che combina le fonti di dati di diffrazione da cristalli e polveri più ricche al mondo in un singolo database. Il risultato è una raccolta comprensiva di materiali inorganici, prodotti in un formato standard che può rapidamente essere sfogliato per identificare materiali sconosciuti.

Questo database contiene numerose funzioni come spettri digitalizzati, grafici molecolari e parametri atomici. Sono state incorporate nel PDF-4+ molte nuove funzioni per migliorare la capacità di eseguire un’analisi quantitativa in uno dei tre metodi: analisi Rietveld, rapporto con l’intensità di riferimento (Reference Intensity Ratio, RIR), o analisi totale dello spettro (Total Pattern Analysis). Il PDF-4+, edizione 2018, contiene 398,726 voci, mentre PDF-4/Minerali edizione 2018 ne contiene 45.497.

PDF-4+ è progettato per supportare analisi quantitativa automatizzata provvedendo dati di riferimento chiave richiesti per queste analisi. Ogni spettro, indipendentemente dal tipo o dalla fonte, può essere visualizzato come uno spettro digitalizzato, consentendo di eseguire un’analisi dell’intera misura. Vengono impiegati tre diversi algoritmi per calcolare la visualizzazione, a seconda dell’origine dei dati e delle informazioni richieste. PDF-4+ sceglie automaticamente l’algoritmo appropriato per visualizzare i dati e poi consente all’utente di modificare la scelta basandosi sulle necessità del momento. L’utente può impostare diversi parametri strumentali comuni, configurazioni ottiche e parametri sperimentali, inclusi la dimensione delle cristalliti, nella visualizzazione a schermo.

PDF-4+ include 300,078 voci comprensive di rapporto con l’intensità di riferimento (I/Ic) che sono state o calcolate da studi di cristalli di singoli o derivate sperimentalmente. In un’analisi RIR, tutte le fasi devono essere identificate e ogni fase deve avere un valore di RIR noto. Il gran numero di voci che contengono valori di RIR consente l’uso frequente di calcoli di intensità di riferimento per l’analisi quantitativa.

I parametri di coordinate atomiche presenti in 295,309 voci, forniti dall’LPF, l’ICDD e il NIST, offrono la possibilità di eseguire diversi calcoli basati sulla fisica dello scattering e della diffrazione. Tecniche Rietveld possono usare i parametri atomici per l’analisi quantitativa e la determinazione della struttura. Il database del PDF-4+ contiene diverse tabelle integrate di fattori di scattering, in modo che la diffrazione da elettroni, la diffrazione dei raggi X con lunghezza d’onda variabile e gli spettri di diffrazione da neutroni possano essere calcolati dai primi principi.

PDF-4+ contiene più dati e tipi di dati consentendo una rapida identificazione del materiale. È progettato per supportare l’analisi quantitativa diretta provvedendo dati di riferimento chiave richiesti per queste analisi. Ogni spettro, indipendentemente dal tipo di provenienza, può essere visualizzato come uno spettro digitalizzato, consentendo di eseguire un’analisi dello spettro totale. Abbiamo continuato a migliorare l’identificazione e la quantificazione aggiungendo più dati con I/IC e coordinate atomiche. Le interfacce JavaTM hanno una velocità migliorata, sono convenienti e hanno consentito di implementare diverse nuove funzioni per la visualizzazione di spettri digitali e per la ricerca dati.

Visitate la pagina del supporto software PDF-4.

Caratteristiche principali di PDF-4/Organici – Purchase
PDF-4/Organici 2018, il più vasto database di diffrazione da polveri al mondo per i composti organici, contiene 526.126 voci. Questo prodotto ha tutte le capacità di visualizzazione e ricerca dati contenute nella famiglia di prodotti PDF-4.

Questo database è un prodotto orientato verso i risultati pratici, che riunisce i composti farmaceutici attivi calcolati dal Database Strutturale di Cambridge (Cambridge Structural Database, CSC) con i polimeri (inclusi amidi e cellulose), eccipienti e medicine nell’Archivio di Diffrazione da Polveri dell’ICDD.

Questo database è progettato per un’identificazione rapida del materiale rivolta alle aziende farmaceutiche e alle industrie chimiche specializzate. La sua struttura può essere facilmente interfacciata con diffrattometri e i sistemi di analisi dati dei principali sviluppatori al mondo di software e costruttori di strumenti per la diffrazione ai raggi X. Il database è utile per ricercatori che lavorano su prodotti commerciali, sulla catalisi, le perizie legali, laboratori di analisi, ricerca e produzione di farmaci.

Caratteristiche principali di PDF-4/Minerali – Purchase
Il database contiene 45.497 minerali e voci correlate e copre più del 97% delle specie minerali come classificate dal Glossario di Specie Minerali di Fleischer (Fleischer Glossary of Mineral Species) e dall’Associazione Mineralogica Internazionale (International Mineralogic Association). Oltre a queste specie minerali classificate, il database contiene minerali ancora da classificare, sintetici, interstrato e soluzioni solide. Molti minerali comuni sono stati caratterizzati da analisi in pressione e temperatura elevate. Complessivamente, questo risulta essere un database esteso che contiene dati da quattro diverse fonti.

I dati sono riveduti annualmente da un gruppo di mineralogisti. Questo gruppo definisce i gruppi e le famiglie di minerali, le classificazioni e le strutture prototipo per aiutare gli utenti con l’identificazione e l’analisi. Circa 1.000 voci di minerali sono state aggiunte dai database dell’LPD, dell’ICDD e del NIST. Queste voci includono coordinate atomiche, simulazioni di spettri e grafici molecolari come illustrato nella descrizione del prodotto PDF-4+.

Software di supporto per PDF-4

Caratteristiche principali del software di supporto PDF-4
Il software di estrazione dati dell’ICDD è integrato in tutti i prodotti PDF. Questo software fornisce maggiori capacità di visualizzazione, ricerca e filtraggio dei dati per il formato PDF-4 del Powder Diffraction File (Archivio di Diffrazione da Polveri). Il programma contiene 72 diversi metodi di ricerca per filtrare i contenuti del database con visualizzazione personalizzata di una scelta di 125 campi dati separati. Utilizzando un’interfaccia punta-e-clicca scritta in JavaTM, si possono combinare diversi metodi di ricerca e scelte dei campi da visualizzare per ottenere una scelta pressoché illimitata di opzioni di ricerca dei dati. Inoltre, è possibile utilizzare i criteri di ricerca del nostro software diestrazione dati per concentrare i risultati dell’indicizzazione di ricerca di SIeve+ su sottogruppi di voci PDF definiti dall’utente.

Funzionalità:

  • modulo di ricerca multifunzione;
  • gli oggetti nelle finestre sono ridimensionabili;
  • la finestra di ricerca può essere spostata liberamente sullo schermo;
  • i dati visualizzati possono essere copiati negli Appunti di Windows;
  • dati relativi alla deviazione standard stimata sono disponibili per la maggior parte di ricerche numeriche;
  • file di aiuto integrati nelle voci del PDF;
  • spettro di retrodiffusione (backscattering) degli elettroni;
  • spettro di diffrazione da elettroni;
  • visualizzazione di distanze e angoli di legame;
  • casella strumenti per i calcoli cristallografici;
  • collegamenti alle analisi a temperature elevate;
  • visualizzazione tridimensionale della struttura del cristallo mediante grafica Jmol.

Visualizzazioni delle voci del PDF:

  • simulazione di spettri di polveri per qualsiasi lunghezza d’onda di raggi X, neutroni o elettroni;
  • scelta di profili di spettri di polveri simulati;
  • visualizzazione di un massimo di tre tabelle di spaziatura interplanare e intensità, con scelta tra slitte fisse, variabili e intensità integrali;
  • utilizzo della funzione di spostamento delle tabelle per confrontarle una dentro l’altra o una di fianco all’altra;
  • le tre linee più forti sono visualizzate in grassetto;
  • campi aggiuntivi per descrizioni modulate della struttura;
  • esportazione file CIF disponibile per l’inserimento in Rietveld o altri software di analisi;
  • dati cristallografici visualizzati nella sotto-scheda “Struttura” della scheda PDF;
  • link DOI “live”alla pagina Bibliografia;
  • esportazione in formato XML migliorata.

Risultati dalle funzioni:

  • la maggior parte delle colonne della tabella dei risultati può essere visualizzata graficamente;
  • aggiungete direttamente uno dei 125 campi dati disponibili dal menù Opzioni, ordinate, spostate e ridimensionate;
  • le colonne di tutte le tabelle dei risultati possono essere ordinate e ridimensionate puntando e cliccando con il mouse;
  • aprite più schede PDF contemporaneamente con opzioni per graficare spettri multipli per i gruppi scelti;
  • calcolo di media, mediana e deviazione standard per i valori numerici visualizzati;
  • parametri di ricerca visibili sulla finestra risultati;
  • un clic col pulsante in mezzo del mouse sull’intestazione della colonna esegue un ordinamento standard;
  • un clic col pulsante in mezzo del mouse su una cella visualizza i dati in una finestra separata;
  • possibilità di aggiungere ogni campo di dati direttamente ai risultati direttamente dal menù Opzioni;
  • ordinamento dei risultati di ricerca secondo formule flessibili;
  • aggiunte opzioni di visualizzazione dei risultati di ricerca: chiede il titolo, ridimensiona i campi entro lo spazio disponibile nella pagina.

Funzioni di ricerca:

  • le ricerche per autori e celle cristalline contemplano la possibilità di effettuare una ricerca ridotta. I parametri di cella e i volumi si possono ricercare entro intervalli specificati o limiti d’errore;
  • conversione al volo tra dati dell’autore e dati cristallini o parametri di cella ridotti;
  • operatore “not” disponibile in tutte le ricerche
  • ricerca di una qualsiasi combinazione di L1, L2 e L3 per le linee lunghe;
  • ricerca di ogni combinazione di d1, d2 e d3 per le linee forti;
  • ricerca di ogni combinazione di Dmeas, Dcalc e Dstruc per la densità;
  • le ricerche per tavola periodica includono gli operatori booleani And/Or/Only/Just e Not;
  • ricerche per tavola periodica opzionali con Yes/No/Maybe;
  • proprietà di simmetria cristallina consentite disponibili (per esempio, piezoelettrici).

Opzioni di ricerca:

  • i campi possono essere visualizzati per cristallo, autore, parametri di cella ridotti e volumi unitari di cella;
  • opzioni di ricerca – scelta rapida di set esistenti tra i campi visualizzati.

Funzioni grafiche:

    • aggiungete e cancellate spettri al volo con la possibilità di correggere ogni spettro per funzioni strumentali note;
    • funzione di profilo della dimensione delle particelle;
    • scelte geometriche Debye-Scherrer/Bragg Brentano;
    • scelte per l’asse X: 2θ, 1/d, d, Q;
    • si possono scorrere i grafici mentre si ingrandiscono;
    • importazione avanzata personalizzata:
      – salvataggio delle impostazioni personalizzate;
      – correzione 2θ;
      – applicazione di una specifica lunghezza d’onda;
      – rumore di fondo;
      – impostazioni avanzate per il grafico;
      – possibilità di cambiare il colore delle linee;
      – possibilità di scalare l’intensità del picco più alto.

SIeve+ 2018 – Purchase
SIeve+ consente di eseguire ricerche e identificazioni dei materiali rapide utilizzando ricerche altamente automatizzate secondo i metodi Hanawalt, Fink e Long-8. SIeve+ sfrutta le potenzialità di calcolo dei PC moderni per eseguire rapidamente ricerche permutate su centinaia di migliaia di dati. Questo consente di utilizzare algoritmi di tipo Fink e Long-8, che sono impraticabili con elenchi stampati a causa del loro enorme numero di permutazioni. Una nuova funzione per questa edizione è la rotazione automatica delle 8 linee più forti (Hanawalt) o delle 8 linee più lunghe delle linee più forti (Fink) o delle 8 linee lunghe (Long-8) per cercare voci che mostrino la miglior corrispondenza coi parametri di ricerca (Goodness of Match, GOM). Storicamente queste operazioni di rotazione erano state anticipate e integrate nei protocolli dei metodi di ricerca per indice del manuale cartaceo; possono essere attivate o meno in SIeve+ utilizzando il menù Preferenze. Lo schema del manuale cartaceo offre sempre una contro-prova tipo cartina al tornasole per la ricerca, in pratica che tutte le linee dello spettro sconosciuto corrispondano alle linee dello spettro di riferimento. Per venire incontro a questo tipo di confronto, abbiamo implementato un sistema di corrispondenza degli spettri (Pattern GOM) che provvede questo confronto. La visualizzazione di SIeve+ permette di confrontare la corrispondenza standard (GOM) e la corrispondenza degli spettri (Pattern GOM). Funzioni avanzate di visualizzazione di grafici consentono di confrontare facilmente i dati sperimentali e i risultati di ricerca di SIeve+.

SIeve+ lavora alternativamente con punti d-I o con file che contengono informazione di tipo 2θ-I. Una routine di importazione dei dati può leggere una gran varietà di file di input; si può importare un numero qualsiasi di coppie d-I. SIeve+ è collegato con le Ricerche Globali e le Opzioni di Ricerca del nostro software integrato. Questo significa che un utente può definire un filtro di input per SIeve+ basato su ognuno dei 72 metodi di ricerca o combinazioni. I risultati di SIeve+ possono anche essere integrati nei criteri di ricerca del nostro software di visualizzazione.

Funzioni addizionali

  • le fasi sono mostrate in una tabella, con possibilità di ordinamento;
  • selezionando le fasi si evidenziano le linee corrispondenti;
  • le distanze d che cadono in una finestra di corrispondenza vengono evidenziate con appositi colori;
  • sono disponibili sessioni di esempio in file XML;
  • sono state aggiunte unità di misura per i campi: Ångstroms, gradi;
  • nessun limite sul numero di righe per esperimento;
  • nessun limite sul numero di fasi;
  • algoritmi migliorati (velocità e funzione);
  • corrispondenza degli spettri (Pattern GOM);
  • I/Ic viene mostrato per le singole fasi;
  • importazione avanzata: salvataggio impostazioni personali;
  • un filtro di “seconda passata” rimuove i risultati falsamente positivi;
  • algoritmo ottimizzato per la ricerca dei dati di diffrazione da elettroni.

Seminari

Storia
I seminari dell’ICDD sui raggi X sono una continuazione dei seminari SUNY che si sono tenuti alla State University di New York ad Albany per 25 anni. Nel 1990 l’ICDD si è assunto il compito di organizzare questi seminari. L’ICDD è un’organizzazione scientifica non-profit, che si occupa di pubblicare il Powder Diffraction File (PDF, ossia l’Archivio di Diffrazione da Polveri) e il Journal of Powder Diffraction. L’ICDD si dedica a provvedere corsi di formazione come gli ICDD Clinics, i seminari dell’ICDD.

Perché scegliere i seminari dell’ICDD?
Lo scopo dei seminari su XRF e XRD è di combinare la conoscenza teorica e le applicazioni pratiche della spettrometria per fluorescenza di raggi X e la diffrazione di raggi X da polveri. Ogni seminario è un corso completo di una settimana di conoscenze teoriche e informazioni pratiche in questo campo. I docenti hanno una vasta esperienza nel campo e sono deliberatamente scelti dalle istituzioni accademiche e dall’industria per fornire il miglior connubio di teoria e pratica. La concentrazione posta sulle applicazioni pratiche, l’esperienza sul campo e la grande attenzione posta al singolo partecipante rendono questi seminari diversi da altre proposte. Ogni seminario trae vantaggio da una squadra di docenti che provengono da una vasta gamma di esperienze pratiche per soddisfare le vostre richieste di formazione.

Chi dovrebbe partecipare:

  • personale di laboratorio che desidera migliorare i risultati;
  • il comitato accademico che desidera preparare un programma di studi su XRF o XRD;
  • studenti di laurea specialistica o di dottorato che desiderano sviluppare le proprie conoscenze teoriche o pratiche su XRF e XRD;
  • professionisti che lavorano con XRF e XRD che desiderano migliorare le proprie capacità di analisi;
  • coloro che desiderano condividere esperienze, conoscenze e idee con coloro che lavorano nel campo dell’XRF e dell’XRD;
  • coloro che desiderano discutere alcune questioni con la nostra squadra di esperti.

Dove
I seminari dell’ICDD si tengono ogni anno presso la sede dell’organizzazione a Newton Square, Pennsylvania. I seminari su XRF si tengono generalmente tra la fine di aprile e i primi di maggio, mentre quelli su XRD attorno ai primi di giugno. Per informazioni sui seminari in programma quest’anno potete visitare l’home page degli ICDD Clinic (in inglese).

Workshop
In seguito alle richieste dei partecipanti degli scorsi anni, l’ICDD ha aggiunto due nuovi corsi specializzati di tre giorni alla sua offerta annuale. Questi workshop si tengono presso la sede dell’ICDD in autunno e trattano i seguenti argomenti: Ottimizzazione Rietveld e Indicizzazione e XRF.

Opportunità formative nella Vostra regione
Oltre ai seminari sui raggi X, ICDD offre opportunità di formazione in tutto il mondo. Workshop sullo sviluppo e l’uso del Powder Diffraction File (PDF, Archivio di Diffrazione da Polveri), identificazione delle fasi, analisi quantitativa, estrazione dati, si tengono spesso congiuntamente ad importanti incontri sull’analisi dei materiali mediante l’uso di raggi X. Per esempio, l’ICDD offre tipicamente workshop presso questi eventi:

  • EPDIC: European Powder Diffraction Conference (Europa)
  • SARX: Latin American Seminary of Analysis by X-ray Techniques (America Latina)
  • BCA: British Crystallographic Association – Spring Meeting (Regno Unito)
  • The National Crystal Chemical (Russia)
  • The Chinese National Conference on X-ray Diffraction (Cina)
  • AXAA: Australian X-ray Analytical Association (Australia)
  • International Conference on Crystal Chemistry of Intermetallic Compounds (Ucraina)
  • DXC: Denver X-ray Conference (USA)
  • International Workshop “High Temperature Superconductors and Novel Inorganic Materials Engineering” (Russia)
  • PPXRD: Pharmaceutical Powder X-ray Diffraction Symposium (Europa/Asia/USA)

Per i ricercatori che lavorano nel campo farmaceutico, l’ICDD ospita un simposio annuale denominato PPXRD, ossia Pharmaceutical Powder X-ray Diffraction Symposium (simposio sulla diffrazione da polveri per applicazioni farmaceutiche). Questo evento si tiene alternativamente tra Europa, Asia e USA. Il programma di questo incontro comprende un giorno di workshop facoltativi, seguito da due giorni e mezzo di sessioni tecniche. Gli argomenti includono: analisi strutturale XRPD (acquisizione e utilizzo di dati XRPD, indicizzazione, determinazione della struttura e ottimizzazione Rietveld); diffrazione da polveri utilizzando una sorgente di luce di sincrotrone per problemi farmaceutici; tecniche complementari (DSC, TGA, microscopia Hot-Stage, FTIR, Raman, NMR, SEM, AFM, microscopia ottica, XRF; SAXS e SANS); formulazione, sviluppo del prodotto, sistemi di trasposto dei farmaci e salt screening; brevetti e problemi legali; nuove frontiere per XRD in applicazioni di ricerca e sviluppo in campo farmaceutico.

Per informazioni aggiornate potete visitare l’home page del PPXRD (in inglese).

Sovvenzioni

Sovvenzioni
Per assicurare la continuità nella qualità dei dati nei propri database e avere una fonte di nuovo materiale, l’ICDD offre un programma di sovvenzioni (Grant-in-Aid). Questo intende incoraggiare i ricercatori che lavorano con nuovi materiali a ottenere dati di diffrazione di alta qualità e a inviarli all’ICDD perché possano essere inclusi nell’archivio PDF (Powder Diffraction File) e conseguentemente pubblicati. Il fondo per le sovvenzioni GiA (Grant-in-Aid) è aperto a tutti i ricercatori qualificati nel campo della diffrazione ai raggi X. I sussidi sono conferiti secondo un processo competitivo. Una commissione di membri dell’ICDD è incaricata di valutare le proposte di sovvenzione e il personale dell’ICDD provvede assistenza tecnica e amministra i fondi per il programma.

Uno degli obiettivi principali del programma GiA dell’ICDD è provvedere dati di diffrazione di elevata qualità per materiali nuovi per il PDF che abbiano un’importanza industriale o di regolamentazione. Il successo del programma si può vedere dal consistente aumento della percentuale di voci di alta qualità (recanti il marchio “stella”) parallelamente all’aumento nel tempo del livello di esperienza dei beneficiari. Più dell’85% degli spettri raccolti da beneficiari del programma reca il marchio di alta qualità. Attraverso il processo di sovvenzioni, sono stati individuati come obiettivo per l’inclusione nel PDF e successivamente inclusi materiali semiconduttori, per l’elettronica, per l’industria farmaceutica e catalizzatori. Molti gruppi di lavoro del sotto-comitato tecnico dell’ICDD rivisitano il contenuto del PDF e propongono materiali per nuovi studi. I suggerimenti degli utenti del database sono altrettanto graditi nell’individuazione di materiali da studiare. Molti materiali presenti nel PDF sono il diretto risultato dei suggerimenti degli utenti e dei soci della società. L’editore capo compila una lista di nuovi materiali desiderati a seconda delle informazioni che riceve dai gruppi di lavoro. Un beneficiario del sussidio può proporre una lista di materiali da studiare o ricevere indicazioni sulla priorità dei materiali da studiare dall’editore capo.

Il programma ha valenza internazionale. La durata della borsa è di 12 mesi in due cicli per anno. Il primo ciclo inizia il 1 aprile, il secondo il 1 ottobre.

Procedura web per l’assegnazione delle borse
È stato sviluppato e implementato un processo automatizzato via internet. Questo consente l’invio e le revisioni cruciali delle proposte via internet. Un vantaggio di questo processo è che i materiali proposti possono essere anticipatamente valutati dai beneficiari, prima dell’invio del sussidio, controllando una lista di centinaia di migliaia di materiali pubblicati nel PDF e decine di migliaia di materiali che vengono processati in ogni momento dal sistema editoriale. Per evitare duplicati si richiede ai beneficiari di controllare la loro proposta mediante una ricerca per elementi chimici (utilizzando il collegamento a Chemical and Element search) prima di inviare le nuove proposte. Questo collegamento viene aggiornato dal dipartimento scientifico dell’ICDD due volte l’anno, in dicembre e giugno, concorrentemente ai due cicli annuali.

Un altro vantaggio di questo sistema è che il comitato per le sovvenzioni può effettuare revisioni e discutere le proposte attraverso una combinazione di corrispondenza elettronica e videoconferenze. Le proposte, i curricula dei principali ricercatori e loro precedenti pubblicazioni sono disponibili al comitato per le revisioni. Questo consente al comitato di essere costituito di membri da tutto il mondo, che corrispondono da diversi paesi e continenti. Le revisioni sono eseguite in modo remoto in un periodo di alcune settimane.

I raduni per le revisioni sono divenuti videoconferenze sulle scoperte e i risultati dei revisori. Questa trasformazione del processo era necessaria all’ICDD per restare al passo con la vastità del database e per trarre vantaggio dall’esperienza internazionale sulla concessione dei sussidi e sulla revisione critica dei lavori inviati.

Ulteriori informazioni sulle sovvenzioni (in lingua inglese).

Associazione

L’International Centre for Diffraction Data (ICDD, Centro Internazionale per i Dati di Diffrazione) è un’organizzazione scientifica non-profit dedicata alla raccolta, edizione, pubblicazione e distribuzione dei dati di diffrazione da polveri per l’identificazione dei materiali cristallini sotto forma del Powder Diffraction FileTM (PDF, Archivio di Diffrazione da Polveri). L’ICDD esiste per soddisfare i bisogni della comunità scientifica che si occupa dell’analisi dei materiali. Circa 300 ricercatori in tutto il mondo sono soci attivi, tra di loro l’organizzazione sceglie il proprio Consiglio di Direzione, i comitati e i sotto-comitati. Essenzialmente i soci svolgono le funzioni di elezione del Consiglio e offrono la loro esperienza all’associazione. Il Consiglio attuale ritiene importante ricevere il maggior aiuto possibile per la propria attività e perciò ritiene sia necessario aumentare il numero di soci attivi.

Il Consiglio crede che l’associazione non sia puramente un riconoscimento, ma si aspetta la collaborazione attiva dei soci in qualche modo. In passato questo significava partecipare di persona agli incontri. Gli sviluppi nella comunicazione elettronica, specialmente il sito web in continuo sviluppo, rendono ora possibile contribuire attivamente senza alcuna necessità di essere presenti a Newton Square, in Pennsylvania.

I soci si riuniscono annualmente, in Marzo, presso la sede dell’ICDD per creare un momento di scambio di idee e informazioni e per organizzare, pianificare e rivedere politiche e procedure all’interno dell’organizzazione. Un gruppo di persone stipendiate, che si occupa di ricerca e amministrazione, è responsabile della produzione dei vari database offerti dall’ICDD.

L’associazione all’ICDD è aperta a coloro che si occupano a livello professionale di caratterizzazione dei materiali. La corrente procedura per essere ammessi richiede di fornire le seguenti informazioni:

  1. Un breve curriculum vitae
  2. Una lettera di raccomandazione da un socio correntemente attivo
  3. Una lista di sotto-comitati tecnici ai quali avete intenzione di partecipare attivamente

Inoltre, studenti di laurea breve, specialistica e dottorandi possono fare domanda di associazione in qualità di Studenti Affiliati. Ogni comunicazione con gli Studenti Affiliati avverrà in modo elettronico. La procedura di ammissione richiede quanto segue:

  1. Un breve curriculum vitae che includa i campi di studio
  2. Una lettera di raccomandazione da un socio correntemente attivo o dal vostro Co-direttore Regionale
  3. Una lista di sotto-comitati tecnici ai quali avete intenzione di partecipare attivamente

Potete inviare la vostra richiesta, completa delle informazioni richieste, al Direttore del Comitato di Associazione (Membership Committee), Roman Shpanchenko (roman.shpa@samsung.com), o alla sede dell’ICDD che si occupa del Comitato di Associazione, che inoltrerà la vostra richiesta al Consiglio per l’approvazione. Potete anche riempire il modulo sottostante.

ICDD Headquarters
c/o Membership Committee
12 Campus Blvd.
Newtown Square, PA 190731-3273
info@icdd.com
Per ulteriori informazioni riguardo alla richiesta di associazione vi preghiamo di contattare l’indirizzo soprastante.

Register to become a member

Twitter
Facebook
LinkedIn
Instagram
YouTube